A cosa devo prestare attenzione nel compilare la dichiarazione d’imposta? Quali documenti devo tenere pronti e come posso risparmiare sulle imposte con il pilastro 3a? Abbiamo raccolto per voi i principali consigli per compilare la dichiarazione d’imposta. Per una maggiore libertà di scelta finanziaria.

Ogni anno l’amministrazione delle contribuzioni competente vi invia una lettera per informarvi sulla scadenza della dichiarazione d’imposta. Con la dichiarazione d’imposta calcolate l’ammontare delle imposte sul reddito e sulla sostanza.

Raccogliete già durante l’anno i giustificativi necessari e archiviateli con ordine. Avere un archivio in cui tenere tutti i documenti importanti durante l’arco dell’anno conviene. All’inizio del nuovo anno ricevete il certificato di salario, i giustificativi degli interessi relativi all’anno precedente nonché l’attestazione dei contributi di previdenza versati nel pilastro 3a. Includere anche questi documenti nell’archivio faciliterà la compilazione della dichiarazione, poiché avrete tutti i documenti in un unico posto e non dovrete cercarli.
 

1.) Raccogliere la documentazione e i giustificativi necessari

I documenti seguenti dovrebbero già essere in vostro possesso (sempre che vi riguardino):

Reddito

  • Certificati di salario (anche per attività accessoria e a tempo parziale)
  • Attestazione delle rendite (AVS, AI, cassa pensioni ecc.)
  • Attestazioni di indennità giornaliera o altri proventi compensativi (p.es. assicurazione contro la disoccupazione, assegni per i figli e familiari, indennità di maternità, ecc.)
  • Elenco degli alimenti di coniugi / partner divorziati / separati (per figli/e fino alla maggiore età)
  • In caso di attività indipendente: elenco delle entrate e uscite

Proprietari/e di abitazioni

  • Valore fiscale
  • Valore locativo proprio o redditi da locazione
  • Ammontare dell’ipoteca e degli interessi
  • Giustificativi per riparazioni, ristrutturazioni, manutenzione, assicurazione o amministrazione

Spese professionali

  • Spese di viaggio per recarsi sul luogo di lavoro (abbonamento per i mezzi pubblici, chilometri percorsi in auto ecc.)
  • Giustificativi relativi ai costi per i corsi di formazione
  • Elenco e giustificativi delle spese professionali, p.es. pasti consumati fuori casa (se superiori alla deduzione forfettaria)

Debiti

  • Attestazioni relative a interessi passivi e/o ipoteche

Conti e titoli

  • Estratti bancari e attestazioni degli interessi di tutti i conti bancari e postali al 31.12
  • In caso di chiusure di un conto nel corso dell’anno: conferma di liquidazione del saldo
  • Deposito / elenco dei titoli al 31.12 con calcolo dei dividendi e degli interessi
  • Giustificativi relativi a dividendi e averi legati alla propria SA / Sagl, incl. l’accredito degli interessi
  • Vincite alla lotteria (diversi limiti d’imposizione)

Altro patrimonio

  • Assicurazioni sulla vita e di rendite (valore fiscale in base all’attestato dell’assicurazione con stipula, anno di scadenza e somma assicurata)
  • Dati sui veicoli a motore privati con prezzo d’acquisto e anno
    Altri valori patrimoniali come contanti, oro e altri metalli preziosi
  • Quote di eredità

Nota: deve essere dichiarato il patrimonio in Svizzera e all’estero.

Altre deduzioni

  • Attestazione dei contributi per il pilastro 3a
  • Attestazioni relative ad acquisti nel secondo pilastro
  • Alimenti alla/al partner separata/o o divorziata/o nonché alle figlie e ai figli minorenni
  • Giustificativi per l’asilo nido o la custodia delle figlie / dei figli
  • Giustificativi delle spese per malattia sostenute personalmente
  • Giustificativi relativi ai contributi per la cassa malati
  • Certificati di donazione
  • Contributi dei membri e liberalità a partiti politici

Altri dati da dichiarare

  • Donazioni ricevute, eredità o acconti della quota ereditaria (indicando la donatrice / il donatore, il grado di parentela, l’importo e la data)
  • Prestazioni in capitale versate dalla previdenza
  • È anche necessario indicare il reddito o il patrimonio all’estero.
     

2.) Compilazione della dichiarazione d’imposta

Una volta messa assieme tutta la documentazione, potete iniziare a compilare la dichiarazione d’imposta. Oggi la maggior parte delle persone compila la dichiarazione d’imposta elettronicamente, che può avvenire sia online sia offline. Se si sceglie la variante offline occorre prima installare un software.

Il vantaggio della compilazione elettronica consiste nell’essere guidati passo passo, inoltre avete sempre la possibilità di consultare le istruzioni sui punti per cui sono necessari chiarimenti e ricevere ulteriori informazioni dettagliate.

Quali spese posso detrarre dalle imposte?

  • Spese di viaggio per il tragitto tra il luogo di residenza e il luogo di lavoro
  • Costi aggiuntivi per il vitto (forfait)
  • Costi per corsi di formazione e perfezionamento
  • Premi assicurativi (nei limiti)
  • Donazioni politiche e di pubblica utilità
  • Contributi per la previdenza vincolata (pilastro 3a)
  • Spese per malattia (a partire da un determinato importo)
  • Interessi passivi
  • Custodia delle figlie / dei figli da parte di terzi
  • Alimenti e contributi di mantenimento

Per alcune spese summenzionate esistono dei forfait. Se, invece, desiderate detrarre i costi effettivi, dovete allegare alla dichiarazione d’imposta i giustificativi. Determinate spese possono essere detratte solo fino a un tetto massimo, anche quando è possibile dimostrare che i costi sostenuti sono stati più elevati.
 

Consiglio 1

Nel caso dell’imposta federale diretta, per il tragitto tra il luogo di residenza e il luogo di lavoro possono essere detratti fino a 3 000 franchi dalle imposte.

Consiglio 2

Per la custodia delle proprie figlie / dei propri figli i genitori possono detrarre i costi fino a un importo massimo che, nel caso dell’imposta federale diretta, ammonta a 10 100 franchi.

3.) Presentazione della dichiarazione d’imposta entro i termini previsti

Nella maggior parte dei Cantoni, la dichiarazione d’imposta deve essere consegnata entro il 31 marzo, in Ticino il 30 aprile. Il termine si applica alle persone fisiche. Le persone giuridiche (ad es. associazioni e società) hanno, di norma, tempo fino al 30 settembre.

È possibile richiedere una proroga, ma occorre inoltrarla per tempo. Di solito è possibile inviare la richiesta comodamente online.

Di regola, entro qualche mese riceverete una stima della vostra dichiarazione d’imposta che dovrete controllare attentamente. Il reddito imponibile e il patrimonio sono corretti? È stata applicata la tariffa fiscale corretta? Anche le funzionarie e i funzionari fiscali possono commettere errori. Se notate delle incongruenze, chiamate l’ufficio delle contribuzioni e chiedete spiegazioni. La dichiarazione d’imposta analizza, infatti, la vostra situazione finanziaria ed è importante vi assumiate le vostre responsabilità.

Avete già un pilastro 3a?

Richiedete la nostra consulenza gratuita e senza impegno sul pilastro 3a.

Altri siti interessanti

Finanze

Aiuto per la dichiarazione d’imposta: come posso risparmiare sulle imposte?

Per saperne di più

Finanze

Pilastro 3b: le principali domande e risposte

Per saperne di più

Finanze

Pilastro 3a: cosa devo sapere

Per saperne di più